• Giorgio Scarpioni

Le grandi necessità




Continua il nostro camino condiviso grazie a queste poche righe.


Questa settimana voglio raccontarvi come purtroppo grandi necessità della gente, in

particolare di donne e bambini, ci piombano addosso e ci responsabilizzano dinnanzi a tanto

dolore.

San Francesco quando vedeva un povero guardava subito a se stesso, al suo abito, al suo

mantello, ai suoi sandali e diceva: “Dobbiamo restituire a quel povero il suo abito, il suo

mantello e i suoi sandali”. E se un fratello gli diceva: “Francesco ma sono stati fatti per te, sono gli unici che tieni…”, lui rispondeva così: “Sia mai che venga indicato come ladro, forza

restituiamo quello che non è nostro…”.

Meraviglioso è pensare che tutto quando abbiamo ricevuto non è solo frutto dei nostri meriti

ma, nel mio caso in specialmente, tanti dei meriti sono dei miei genitori, della famiglia, dei

nonni e persino della società in cui sono nato e non ho scelto di nascervi. Così anch’io sento il dovere di dire a questa gente: “Qui proveremo almeno a trovare una soluzione al tuo

problema”.


Così dieci giorni fa abbiamo mandato a scuola 4 ragazzini analfabeti grazie a 4 adozioni a

distanza. Poi l’amica suor Patricia mi ha portato altre 5 situazioni drammatiche e ben 4 siamo ora riusciti a sistemarle.


Mentre voglio raccontarvi di ieri.

Arriva una donna di circa 35 anni, mia coetanea. Racconta di essere stata abbandonata dal

marito. Inoltre ad averla abbandonata con i suoi 4 figli le ha anche lasciato un debito con la

banca di 5.000.000 di scellini ugandesi. Per capirne meglio la gravità basta dire che lei riesce a guadagnare settimanalmente tra le 60.000 e le 80.000 scellini. E con questi soldi dovrebbe dar da mangiare ai figli e mandarli a scuola. Impossible e drammatico davvero, rischia di perdere la casa e di finire tutti e 5 in strada.

Davanti a certe situazioni mi chiudo in cappellina, prego e non dormo la notte.

Dico grazie a Dio per quanto ho ricevuto nella vita.


Chi volesse farsi prossimo mi contatti al n° personale +393334871377 su WhatApp, o mail

albeta@hotmail.it, insieme potremo accompagnare nuove Vite.


Giorgio, Marta e baby Anita

Pace e bene.

58 visualizzazioni

Sono un paragrafo. Fai clic qui per aggiungere il tuo testo e modificarmi. È facile.

Telefono

Giorgio Scarpioni +39 333 4871377

Marta Novati +39 340 2835871

Giorgio e Marta (Uganda) +2560788892481 o +2560753734690

Sede Legale:

Don Carlo Roveda n°9 Varese 

21100 (VA)  -ITALY-